Pubblicato il: 25 Giugno, 2020  Visualizzazioni: 282

Silvia Provvedi sapeva delle attività del compagno Giorgio De Stefano? Una frase la incastra

La componente del duo Le Donatella era fidanzata con l'esponente di uno dei clan mafiosi più pericolosi d'Italia, possibile non sapesse nulla?

Visualizza Foto

Dopo l’arresto del compagno, il 38enne Giorgio De Stefano, a pochi giorni dalla nascita della loro primogenita Nicole, in tanti si chiedono se Silvia Provvedi sapesse oppure no delle attività di associazione mafiosa contestare all’uomo, che apparteneva a una delle più longeve e potenti famiglie della ndrangheta calabrese. Già fidanzata di Fabrizio Corona al tempo in cui l’uomo era ancora in carcere, la bella Silvia sembra avere proprio la passione per i cattivi ragazzi. Questa volta era forse all’oscuro di stare con un uno di loro? In realtà gli indizi sembrano dire il contrario…

Gossip news, il compagno di Silvia Provvedi arrestato in piena notte a Milano

Mercoledì 25 giugno 2020, alle 4 della mattina,i poliziotti delle squadre Mobili di Milano e Reggio Calabria hanno arrestato il 38enne Giorgio De Stefano per associazione mafiosa ed estorsione. Non lo hanno trovato a casa sua bensì a casa di Giulia Provvedi, sua cognata in quanto sorella di Silvia, dove lui e quest’ultima si erano recati con la piccola Nicole, di pochi giorni, per sfuggire al caldo della loro abitazione, dove si erano rotti i condizionatori.

LEGGI ANCHE — Il Corriere: “La storia tra Silvia Provvedi e il boss Di Stefano non piaceva al clan”

News di gossip, Giorgio De Stefano avrebbe avvisato Silvia: “Sono venuti a prendermi”

Stando a quanto riportato dal Corriere, quando è suonato il citofono Giorgio, che era a letto, si sarebbe girato verso la compagna e le avrebbe detto: “Sono venuti a prendermi”. De Stefano, insomma, sapeva di essere nel mirino della polizia e per questo non molto tempo fa, dopo l’arresto di suo fratello Dimitri, aveva lasciato per un po’ Milano e l’Italia per andare a vivere in Spagna. Possibile che Silvia di questa storia non sapesse nulla?

LEGGI ANCHE — Arrestato il compagno di Silvia Provvedi: era appena diventato papà

Notizie di gossip 2020, il rampollo del clan girava con biglietti da 500 euro in tasca

E ancora, perché dirle “Sono venuti a prendermi”, se la Provvedi era all’oscuro di tutto? Ci sono poi altri dettagli che incastrerebbero la cantante, Sì, perché la ricchezza di Giorgio era spesso ostentata e di certo non proveniva soltanto dal locale che gestiva insieme ad altri soci nel centro di Milano, frequentato da vip e calciatori. A tal proposito, di lui il pentito Enrico De Rosa aveva raccontato un aneddoto molto significativo.

LEGGI ANCHE — Fiocco rosa per Silvia Provvedi: ecco come si chiama la figlia

“Non aveva mai meno di 3.500 euro nelle tasche. Questo aveva mazzetti da 500 euro, mi è rimasto impresso che avesse sempre fogli da 500 euro, gli ho detto: “Giorgio ma dove li prendi? Li stampi forse?». All’epoca gestiva una lavanderia a Reggio Calabria, poi il  trasferimento a Milano, gli affari nei ristoranti e il «salto» nel mondo della movida” ha rivelato De Rosa. Alla luce di ciò, la totale estraneità di Silvia ai fatti risulta decisamente poco credibile.

CATEGORIE